POLITICA INTERNAZIONALE E DELLE MIGRAZIONI

Corso di Laurea magistrale in Storia e società

 

L'Italia tra emergenze e governo del fenomeno

 

L’Italia, come ben sappiamo, è tra i paesi maggiormente esposti ai mutamenti dei flussi migratori: basti pensare, senza risalire troppo

indietro negli anni, alle trasformazioni dell’ultimo secolo e mezzo. Dall’essere terra di emigrazione tra la fine dell’’800 ed il 1914, tra le

due guerre mondiali e tra il secondo dopoguerra e gli anni ‘60/’70, l’Italia è divenuta meta di immigrazione, fino agli anni più recenti.

Negli ultimi tempi, stiamo assistendo ad una nuova inversione di tendenza poichè la quota di coloro che lasciano l’Italia è tornata ad

essere superiore rispetto alle persone che arrivano con l’intenzione di fermarsi stabilmente.


Focalizzando l’attenzione sugli ultimi trent'anni, si nota come l’Italia sia stata percorsa da diverse correnti immigratorie che nel corso del tempo si sono modificate

per composizione e numero. Ricordiamo in particolare i flussi provenienti dai Balcani negli anni ’90 e quelli caratterizzati dal passaggio attraverso il Medio Oriente

e il Nord Africa.

Gli ultimi anni hanno visto l’inizio del coinvolgimento europeo nella gestione del fenomeno migratorio. Tale processo, destinato ad intensificarsi, è stato in parte conseguenza delle richieste sempre più pressanti dei paesi situati alle frontiere esterne dell’UE; ma in misura maggiore, è stato dovuto alla presa di coscienza

degli stati più influenti, Germania in testa, che hanno compreso che la risposta ai mutamenti dei flussi migratori per essere efficace necessita di uno sforzo

congiunto e non può essere scaricata su quei paesi che per primi, per posizione geografica, sono costretti a rispondere a tutte le questioni che tali fenomeni

sollevano.
Il cambiamento dei centri decisionali ha avuto delle ovvie conseguenze sulla gestione degli arrivi dei migranti, ha segnato una notevole evoluzione nel processo

di europeizzazione delle politiche migratorie e più in generale sta forzando i governi dei paesi membri alla ricerca di soluzioni congiunte. Si può ipotizzare che la questione migratoria rappresenti un’occasione di maggiore coinvolgimento e coesione tra le normative e le politiche europee con i singoli stati nazionali; mentre

resta da valutare quanto queste linee politiche siano coerenti con gli alti valori fondanti dell’Unione Europea.

Il panorama politico italiano, nel corso degli ultimi vent'anni, è stato caratterizzato da posizioni altalenanti, quasi schizofreniche, in merito alle risposte

elaborate verso i flussi migratori. All’evoluzione del quadro normativo si sono puntualmente accompagnate, a seconda delle circostanze, diverse sanatorie

volte a regolarizzare la posizione degli stranieri illegalmente presenti sul territorio italiano. Tali sanatorie rappresentano, per certi aspetti, la presa di coscienza dell’inadeguatezza dell’impianto normativo che più che rispondere alle problematicità, è volto al respingimento degli stranieri e conseguentemente, sembra

determinare una sorta di “fabbrica dell’irregolarità”, risolta appunto per mezzo di sanatoria. Indirettamente, quest’ultimo strumento sembra incoraggiare i

migranti respinti e coloro a cui non è stato rinnovato il permesso di soggiorno nel tentativo di rimanere in Italia in condizione di illegalità, nell’attesa del

successivo provvedimento sanatorio volto a regolarizzare la loro posizione.
Dunque, il dato fondamentale che emerge dall’analisi dell’evoluzione della normativa italiana in merito all’immigrazione, è la mancanza di un obbiettivo di

lungo periodo e la conseguente assenza di politiche coerenti.

Altra questione collegata a tale studio, è l’assenza di una legge organica sul diritto di asilo, nonostante che questo sia espressamente riconosciuto nella

Costituzione italiana dall’articolo 10, comma 3. Su questo aspetto, va registrato il grande lavoro di numerose organizzazioni del terzo settore che continuano

a denunciare il ritardo normativo in materia d’asilo, rispetto alla maggioranza dei paesi europei.
Nell’ultimo periodo, l’Italia ha recepito diverse direttive europee tese a creare una matrice comune all’interno dell’area Shengen che hanno definito una

procedura condivisa di riconoscimento di protezione internazionale per i migranti. Oltre al riconoscimento dello status di Rifugiato Politico, conseguente

all’adesione alla Convenzione di Ginvera del 1951, con il D.L. n°251/2007 è stata recepita la direttiva UE volta ad istituire una seconda forma di protezione,

denominata Protezione Sussidiaria. Va inoltre evidenziato che la normativa italiana prevede la prossibilità di riconoscere una forma di Protezione Umanitaria,

nel caso in cui la condizione del richiedente non sia tale da determinare il riconoscimento dello status di rifugiato politico. Tale strumento, antecedente

all’istituzione della protezione sussidiaria, è attualmente poco utilizzato. Infine per rispondere a flussi particolarmente consistenti e ravvicinati che, secondo

il legislatore, porterebbero il sistema di asilo al collasso, è stata istituita un’eccezionale forma di Protezione Temporanea.

Sul tema dell’accoglienza dei richiedenti asilo in Italia, è necessario porre l’attezione sul D.L. n°142/2015. Questo decreto, nel quadro del processo di graduale omogeneizzazione dell’accoglienza dei migranti, recepisce le direttive europee n°32 e 33 del 2013 e rappresenta l’ultima risposta del governo italiano alla

situazione. Va sottolineato che il concetto fondamentale alla base del processo italiano ed europeo di accoglienza, ha come oggetto i richiedenti asilo e non i

migranti in generale; sulla possibilità e sul riconoscimento o meno del diritto di chiedere protezione internazionale, si basa la risposta dei paesi membri ai

flussi dei migranti. Tale risposta non sembra apparire sempre solidale e costruttiva.
Tornando al decreto, il testo rappresenta il tentativo di disciplinare le procedure comuni per il riconoscimento e la revoca dello status di rifugiato e si pone

l’obiettivo di riformare il troppo caotico sistema dell’accoglienza italiana.
Secondo l’ASGI, la manovra deficita della volontà di trasformare concretamente tale sistema. Essa presenta degli elementi positivi, ma non risponde

sufficientemente a numerose criticità; una su tutte, il mancato superamento del principio di volontarietà alla base dell’accoglienza dei richiedenti asilo e

dei titolari di protezione internazionale nei singoli comuni. Perciò, nonostante la presenza positiva di diversi aggiustamenti, l’accoglienza continuerà ad

essere condizionata dall’orientamento politico delle singole amministrazioni comunali e per questo non sarà possibile provocare un’evoluzione sostanziale

della situazione.

 

 

L'OPERAZIONE MARE NOSTRUM

L'operazione militare e umanitaria nel Mar Mediterraneo meridionale denominata Mare Nostrum è iniziata il 18 ottobre 2013 per fronteggiare lo stato di

emergenza umanitaria in corso nello Stretto di Sicilia, dovuto all'eccezionale afflusso di migranti (si veda anche una scheda con i dati statistici degli sbarchi

negli ultimi anni). L'operazione è terminata il 31 ottobre 2014 in concomitanza con la partenza della nuova operazione denominata Triton

L'Operazione Mare Nostrum consisteva nel potenziamento del dispositivo di controllo dei flussi migratori già attivo nell'ambito della missione Constant Vigilance,

che la Marina Militare ha svolto dal 2004 con una nave che incrociava permanentemente nello Stretto di Sicilia e con aeromobili da pattugliamento marittimo.

L'Operazione aveva dunque una duplice missione:

• garantire la salvaguardia della vita in mare;
• assicurare alla giustizia tutti coloro i quali lucrano sul traffico illegale di migranti.

Il dispositivo vedeva impiegato il personale e i mezzi navali ed aerei della Marina Militare, dell'Aeronautica Militare, dei Carabinieri, della Guardia di Finanza,

della Capitaneria di Porto, personale del Corpo Militare della Croce Rossa Italiana nonché del Ministero dell'Interno - Polizia di Stato imbarcato sulle unità

della M.M. e di tutti i Corpi dello Stato che, a vario titolo, concorrono al controllo dei flussi migratori via mare.

L'Operazione Mare Nostrum operava congiuntamente alle attività previste da Frontex.

 

Vedi anche la scheda: Arrivi nel Mediterraneo 2016

 

   

        Dipartimento di 

         studi umanistici

  

     Il sito del Corso di Cooperazione 2016

 

     Il sito del Corso di

       Migrazioni 2015

 

 

 

       Gruppi di lavoro

 

 

  

                Bibliografie

  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                Home

ndietro