Dove andiamo?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

POLITICA INTERNAZIONALE E DELLE MIGRAZIONI

Corso di Laurea magistrale in Storia e società

 

Analisi degli orizzonti possibili

 

Gruppo 6

 

Eva Cijs        eva.cijs@gmail.com

Camilla Hautant

Andrea Rampolla

 

Gli studenti hanno creato un Gruppo su WhatsApp e un account condiviso su Google Drive, con il quale tutti possono cambiare

e aggiungere rapidamente i documenti raccolti. Il Gruppo ha fatto una prima lista delle fonti che pensa utili, sia per creare

un 'quadro generale' dell'immigrazione, che per l'approfondimento.

Si è poi proposto uno schema di lavoro:

1. Il viaggio – contesto geopolitico
•  Accordi UE-Turchia e  UE-Libia
•  Corridoi umanitari : il caso della Comunità di Sant’Egidio.
-> possibile evoluzione del sistema su scala Europea/nazionale
-> possibili migliorie

2. L’arrivo – piano tecnico
•   Dublino III
-> breve analisi: non funzionamento
-> mantenere con modifiche: discussioni europee
-> un nuovo trattato?
•  accoglienza breve termine

3. L’integrazione – piano culturale

•   accoglienza lungo termine
-> Europa e Canada : mediazione e nuovo modello integrazione a lungo termine.

 

Camilla Hautant si occuperà della prima parte del progetto, 'il viaggio', che si focalizza su accordi (come quelli con Turchia e Libia), che sembrano

insostenibili, sulle loto eventuali modifiche, oppure la creazione di un nuovo trattato; e sui cosiddetti corridoi umanitari.

Eva Cijs si occuperà della seconda parte, 'l'arrivo', che si concentra sul trattato di Dublino. Da cancellare, oppure, se ci sarà bisogno,

di mantenerlo con qualche modifica. Lavorerà anche sul modo in cui diversi paesi europei trattano il problema dell'immigrazione e

dell'accoglienza a breve termine.

Andrea Rampolla si occuperà dell'integrazione a lungo termine. Si focalizza sul modo in cui Europa e paesi come il Canada hanno reagito ai flussi

dei migranti, e sulla possibilità di una mediazione tra i diversi modelli, verso un nuovo modello integrazione a lungo termine.

Il Gruppo si è reso conto che le fonti fondamentali, per un tema così attuale e in continua trasformazione, saranno soprattutto articoli di

stampa e siti web. Con la lettura di "A New Odyssey", il Gruppo si è fatto un quadro più completo su tutti i percorsi, sulle problematiche

in Europa, e sulla vastità del problema.


 

 

Le prospettive

Il Gruppo di lavoro dovrà analizzare le molte, e controverse, prospettive possibili in Europa per il problema degli immigrati e dei richiedenti asilo.

Ci sono variabili importanti, che riguardano in parte le posizioni dei diversi Paesi del continente, e in parte il futuro della stessa Unione Europea.
Occorre partire dalla constatazione che la situazione attuale è diventata palesemente insostenibile: le convenzioni e i trattati - dalla
stessa Convenzione di Ginevra sui rifugiati al Regolamento di Dublino III sulla distribuzione dei rifugiati - sono continuamente messi

in discussione o addirittura ignorati.

Cosa potrebbe accadere se l’accordo UE- Turchia dovesse saltare?

Cosa succede con la guerra in Siria?

Funzionerà l'accordo con (parte della) Libia?

Si cambia Dublino III?

Si arriverà ad una politica comune almeno per quanto riguarda l'asilo politico?

Si possono esternalizzare le pratiche di riconoscimento dei rifugiati?

Si organizzeranno percorsi condivisi per l'ingresso regolare almeno di quote di migranti e richiedenti asilo?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

   

        Dipartimento di 

         studi umanistici

 

  Il sito del Corso di      Cooperazione 2017

 

 

    Testi e bibliografie

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

               Indietro

ndietro