World Development Report

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Storia e Politiche della Cooperazione internazionale

Corso di Laurea Magistrale in Storia e Società 2021/2022

 

Link & Libri 2021-2022

 

Testi di riferimento per l'esame


”Manuale di cooperazione allo sviluppo”, di Antonio Raimondi e Gianluca Antonelli, Sei ed. 2001

"Perle e pirati. Critica della cooperazione allo sviluppo e nuovo multilateralismo", di Luciano Carrino, Ed.Libreria universitaria 2010

“L’antenna e il baobab”, di Massimo Ghirelli, Sei ed. 2005

(cfr. anche Leggi e altra Documentazione)


Testo aggiuntivo per i non frequentanti


Uno a scelta tra:

“La cooperazione allo sviluppo internazionale”, di Maggie Black, Carocci, 2004
"Sviluppo e diritti umani nella cooperazione internazionale. Lezioni sulla cooperazione per lo sviluppo umano", di Spatafora E., Cadin R., Carletti C. (2012).

 

Testi consigliati (Cfr. schede libri)

S. George - F. Sabelli (1994) Crediti senza frontiere. La religione secolare della Banca Mondiale, Torino, Ega

Dahrendorf R., (1995) Economíc oppotunity, civíl socíety and polítícal líbert:y (traduzione italiana Quadrare il cerchio, Bari, Laterza)
Gruppo di Lisbona - a cura di R. Petrella (1995) I limiti della competitività, Roma, Manifesto libri

Bonomi A., (1996) Il trionfo della moltitudine, Torino, Bollati Boringhieri
Deriu M.- a cura di (2001) L’illusione umanitaria. La trappola degli aiuti e le prospettive della solidarietà internazionale, Editrice Missionaria Italiana

Easterly W., (2006) The White Man's Burden: Why the West's Efforts to Aid the Rest Have Done So Much Ill and So Little Good
Reinert, E. (2007), “How Rich Countries Got Rich and Why Poor Countries Stay Poor”, Constable, UK.

Ocampo, Taylor and Rada (2009), Growth and Policy in Developing Countries. A structuralist approach, Columbia University Press

 

Interventi di Emergenza

Linee Guida della Cooperazione italiana per l'Aiuto umanitario 2012 - 2015 (Cfr. documento Pdf)

 

What Is Development


Chen, S., & Ravallion, M. (2008). The developing world is poorer than we thought, but no less successful in the fight against poverty (WPSA4703).

The World Bank Development Research Group.
Milanovic, B. (2007). An even higher global inequity than previously thought: A note on global inequity calculations using the 2005 ICP results.

 

The Divide between Developed and Developing Countries


De Soto, H. (2000). The mystery of capital: Why capitalism triumphs in the west and fails everywhere else. New York, NY: Basic Books
Diamond, J. (1999). Guns, germs and steel: The fates of human societies. New York, NY: WW Norton
Lewis, B. (2002). What went wrong? The clash between Islam and modernity in the Middle East. New York, NY: Oxford University Press
United Nations Development Program [UNDP]. (2002). The Arab human development report 2002: Creating opportunities for future generations.

Retrieved from UNDP/Arab Fund for Economic and Social Development website: http://www.arab-hdr.org/publications/other/ahdr/ahdr2002e.pdf
UNDP. (2004). The Arab Human Development Report 2004: Towards Freedom in the Arab World. Retrieved from: http://www.arab-hdr.org/contents/index.aspx?rid=3
UNDP. (2005). The Arab Human Development Report 2005: Toward the Rise of Women in the Arab World. Retrieved from UNDP/Arab Fund for Economic and Social Development website: http://www.arab-hdr.org/publications/other/ahdr/ahdr2005e.pdf
UNDP. (2008). “Human development indices: A statistical update 2008 – HDI Rankings.” UNDP: Human Development Reports.

Retrieved from UNDP website: http://hdr.undp.org/en/statistics/
UNDP. (2009). The Arab human development report 2009: Challenges to human security in Arab countries. Retrieved from UNDP/Arab Fund for Economic and Social

Development website: http://www.arab-hdr.org/publications/other/ahdr/ahdr2009e.pdf
UNDP. (2011). Human Development Data for the Arab States [Data file]. Retrieved from: http://www.arab-hdr.org/data/indicators/2012-54.aspx
UNDP. (2013). Human Development Report 2013 – The Rise of the South: Human Progress in a Diverse World.

Retrieved from: http://issuu.com/undp/docs/hdr_2013_en?e=3183072/1754153

 

Problems of Development Today


UNDP. 2003. Human Development Report 2003 Millennium development goals: A compact to end human poverty. Retrieved from UNDP website: http://hdr.undp.org/en/reports/global/hdr2003/

 

Assistance for Development


Coffrey, W. (2012, August 8). The Unfortunate Legacy of the Marshall Plan.

Retrieved from: http://waltercoffey.wordpress.com/2012/08/20/the-unfortunate-legacy-of-the-marshall-plan/
The Marshall Plan: Criticisms. (n.d.) Wikipedia.org. Retrieved from:http://en.wikipedia.org/wiki/Marshall_Plan#Criticism
Marshall, G. C. “Marshall Plan Speech.” 5 June 1947. http://www.usaid.gov/mu ltimedia/video/marshall/marshallspeech.html
Strang, D. (1991, December). Global Patterns of Decolonization: 1500 – 1987. International Studies Quarterly, 35 (4). 429-454.
World Bank. (n.d.) World Bank History. Retrieved from: http://web.worldbank.org//0,,contentMDK:20053333~menuPK:63762~pagePK:36726~piPK:36092~theSitePK:29506,00.html

 

Development Strategies


Burnside, C, & Dollar, D. (1997, June). Aids, Policies and Growth. The World Bank Policy Research Department: Macroeconomic and Growth Division.

Retrieved from: http://dukespace.lib.duke.edu/dspace/bitstream/handle/10161/2095/AidPolGro.pdf?sequence=1
Butler, R. A. (5 Feb. 2012). Rainforests of Brazil. Retrieved from: http://rainforests.mongabay.com/20brazil.htm
Canadian International Development Agency. (2006). Sustainable development strategy: 2004-2006.

Retrieved from: http://www.acdi-cida.gc.ca/acdi-cida/acdi-cida.nsf/eng/STE-320155755-SMK.
Consultant Group to Assist the Poor [CGAP]. (2012). What is Microfinance? Retrieved from: http://www.microfinancegateway.org/p/site/m/template.rc/1.26.12263/.
Dichter, T. (2006). Hype and Hope: The Worrisome State of the Microcredit Movement. Legal City Legal Magazine.

Retrieved from: http://www.legalcity.net/Index.cfm?fuseaction=MAGAZINE.article&ArticleID=8803808
Kaplan, E. & Calzonetti, C. (2005). The WTO’s troubled ‘Doha Negotiations’. Retrieved from: http://www.cfr.org/wto/wtos-troubled-doha-negotiations/p9385.
Khan, F. ( May 15). Rights-Belgium: A Lobby Group Pushes for Women Advancement. IPS.

Retrieved from: :http://web.archive.org/web/20040322023118/http:/www.oneworld.org/ips2/may01/18_37_0%0954.html
International Food Policy Research Institute [IFPRI]. (2003). A level playing field for farmers. Author.

Retrieved from: http://www.ifpri.org/publication/ifpri-forum-level-playing-field-farmers.
Millennium Challenge Corporation. (2011). Agency Financial Report 2011. Retrieved from: http://www.mcc.gov/documents/reports/report-fy2011-afr.pdf
Office of the United States Trade Representative. (2006, June). Trade facts: OECD study highlights importance of agricultural market access to Doha success and economic development. Retrieved from: www.ustr.gov/archive/assets/Document_Library/Fact_Sheets/2006/asset_upload_file713_9588.pdf
Office of the United States Trade Representative. (2009). Bangladesh. Retrieved from: http://www.ustr.gov/countries-regions/south-central-asia/bangladesh.
Organization for Economic Cooperation and Development [OECD]. (2005). Agricultural policies in OECD countries: Monitoring and evaluation 2005. Retrieved from: http://www.oecd.org/document/9/0,3343,en_2649_33727_35015433_1_1_1_1,00.html.
OECD. The Doha Development Round of trade negotiations: understanding the issues. Retrieved from: http://www.oecd.org/document/45/0,3746,en_2649_37431_35738477_1_1_1_37431,00.html
Pan, E. (2004). Foreign Aid: Millennium Challenge Account. Retrieved from:http://www.cfr.org/pakistan/foreign-aid-millennium-challenge-account/p7748
Reuters. (2009). Factbox: U.S. Tariffs, sanctions, abound in Muslim world. Reuters. U.S. Edition. Retrieved from:

http://www.reuters.com/article/2009/05/31/us-usa-muslims-trade-sb-idUSTRE54U0P220090531?virtualBrandChannel=10531
United Nations. Agenda 21. Retrieved from: http://www.un.org/esa/dsd/agenda21/
United Nations Development Program. (2003). Human development report 2003: Millennium development goals: A compact among nations to end human poverty.

Retrieved from: http://hdr.undp.org/en/media/hdr03_complete.pdf
The World Bank. (2001). Attacking Poverty : Opportunity, Empowerment, and Security.

Retrieved from: http://siteresources.worldbank.org/INTPOVERTY/Resources/WDR/overview.pdf.
The World Bank. (2007, November 29). Good governance in the fight against AIDS in Tanzania. Video retrieved from: http://www.youtube.com/watch?v=0HqeEao3tBo.
The World Bank, (2008). “Bangladesh: Trade Policy and Integration.” The World Bank. Retrieved from: http://web.worldbank.org/
World Commission on Environment and Development. (1987). Our common future. United Nations. Retrieved from: http://www.un-documents.net/our-common-future.pdf.
World Factbook: France. (n.d.) From: The World Factbook. Retrieved from: https://www.cia.gov/library/publications/the-world-factbook/geos/fr.html.
World Trade Organization. Doha Development Agenda: Negotiations Summary. Retrieved from: http://www.wto.org/english/tratop_e/dda_e/negotiations_summary_e.htm.

 

 

SCHEDE LIBRI

Carrino L., Perle e pirati. Critica della cooperazione allo sviluppo e nuovo multilateralismo


In questo testo Carrino ci spiega l’importanza del multilateralismo e come la sua esigenza derivi dalla crisi della cooperazione allo sviluppo che non sa

mettere in pratica il suo mandato di riduzione della distanza tra nord e sud, che costantemente aumenta. L’autore critica le attuali forme di aiuto ed espone

la sua tesi principale secondo cui la cooperazione, per uscire dalla crisi necessita di essere utilizzata come strumento del nuovo multilateralismo, ovvero di

un’alleanza strategica tra i governi degli stati, le Nazioni Unite, i governi delle comunità locali e gli attori sociali del nord e del sud.
Ciò rende necessario rinforzare le Nazioni Unite attuando un processo di democratizzazione e conferendole maggiori poteri e strumenti, concentrandosi poi

sullo sviluppo locale. La sua teoria sostiene che non potendo la cooperazione finanziare direttamente il cambiamento essa potrebbe puntare ad impegnarsi

nelle politiche e nelle pratiche innovative così da influenzarne i processi di sviluppo.
Carrino, nel mondo della cooperazione, distingue fra pirati, che hanno una visione rapace ed aggressiva dello sviluppo, e le perle, che hanno esperienze

positive e possibili soluzioni e che si orientano verso lo sviluppo umano. Queste considerazioni sono molto importanti in quanto illustrano il ruolo della

cooperazione nell’ambito internazionale e propongono alcuni possibili sviluppi del multilateralismo nella cooperazione.

Dahrendorf R., Economíc oppotunity, civíl socíety and polítícal liberty

Il sociologo Tedesco, Ralf Dahrendorf, parla in questo libro del famoso dilemma sul come far convivere, nei paesi Industrialmente sviluppati, Welfare, una

società coesa, ed una stabilità politica quanto economica. Dopo aver analizzato criticamente lo standard dei paesi Sviluppati si sofferma su sei principali punti che,accompagnati da una certa flessibilità e da un uso intensivo delle risorse possono portare i paesi sviluppati a quella condizione che all’autore sembra tutto

meno che utopistica.


Bonomi A. Il trionfo della moltitudine

Crisi della politica, caduta delle forme di convivenza, declino delle appartenenze di classe e di popolo, fino all'apparire dei processi di spaesamento é di

sradicamento prodotti nella società competitiva dalla mondializzazione dell'economia: questi i temi che Aldo Bonomi affronta in modo nuovo. Se globale e

locale sembrano oggi i soli spazi fondanti per l'essere impaurito di fronte a un futuro incerto, è invece nel "globale", cioè in un locale attraversato dalla

globalità, che va cercata una dimensione del conflitto e del mutamento diversa dall'accettazione del presente, cui l'autore non si rassegna. Il libro comincia

con l'individuare, alla fine del Novecento, una dimensione del tempo sociale caratterizzata dal "non più" e dal "non" ancora (finite le opposizioni cui eravamo

abituati, vediamo solo i primi passi della società che viene), e pone il problema: c'è un percorso che permetta di andare oltre la disperazione del guardarsi

indietro e la seduzione dell'immergersi nel presente? Sarà la "società di mezzo", intesa sia come composizione sociale (la nuova classe media) sia come luogo intermedio della rappresentanza, il soggetto in mutamento nella transizione dal fordismo al postfordismo, transizione caratterizzata dall'emergere della

"moltitudine" indistinta (altra cosa rispetto alla folla e alla massa delle analisi tradizionali). Ma, contro la corrente apologia della smaterializzazione del lavoro

o addirittura della sua fine, egli riconosce il conflitto che si fonda sull'emergere, tra il locale e il globale, di «luoghi di non identificazione» in cui si può vedere

il tentativo estremo di sottrarsi al divenire moltitudine.

 

Deriu M. L`Illusione Umanitaria - la Trappola degli Aiuti e le Prospettive della Solidarieta` Internazionale


I Paesi occidentali intervengono sempre di più in altri Paesi fornendo errate alimentari, presidi sanitari, programmi di assistenza o, addirittura, con forme

di ingerenza umanitaria armata. Il paradigma dello sviluppo, ormai in rottamazione, è stato rimpiazzato dall'ideologia dell'emergenza umanitaria. Tuttavia,

gli interventi umanitari non solo non hanno eliminato i problemi (conflitti, carestie, profughi e sfollati), ma in molti casi hanno contribuito ad aggravarli,

cronicizzando le condizioni di crisi e creando una forma di dipendenza economica che diventa una nuova arma di ricatto a disposizione dei paesi occidentali.

L'unica alternativa - sostengono gli autori di questo studio - è rimettere al centro la politica e distinguere chiaramente le responsabilità e i compiti delle

popolazioni locali e quelli dei paesi occidentali.


Spatafora E.,Cadin R.,Carletti C., Sviluppo e diritti umani nella cooperazione internazionale. Lezioni sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo umano


La dicotomia tra Stati sviluppati e Paesi in via di sviluppo, tra Nord e Sud del mondo è costantemente oggetto dell'attenzione della Comunità internazionale per

le evidenti differenze presenti nei livelli di sviluppo e nella tutela dei diritti umani civili/politici/economici/sociali/culturali che impediscono o rallentano lo sviluppo

umano dei popoli dei Paesi poveri, soprattutto dei Paesi colpiti da vicende conflittuali o da situazioni di emergenza. Tali problematiche e la ricerca di una loro

soluzione sono esaminate e dibattute in seno alle Organizzazioni internazionali - universali e regionali - nello spirito di cooperazione internazionale posto alla

base dei rapporti interstatuali secondo principi e norme internazionali riconosciute ed accettate da quella parte della Comunità internazionale che esprime la

volontà di costruire un ordine mondiale, garantista dei diritti umani nella loro definita interdipendenza ed universalità, anche con la partecipazione attiva della

società civile. Il volume, che nella sua terza edizione si presenta come un nuovo contributo allo studio del complesso e variegato sistema normativo in continua evoluzione - che disciplina la cooperazione internazionale per lo sviluppo come attuata dalla Comunità internazionale e la tutela dei diritti umani, vuole offrire

agli studenti ed agli operatori del settore di riferimento lo strumento necessario per approfondire conoscenze e tematiche necessarie per affrontare il mercato

del lavoro interno ed internazionale.

 

Augé M. I non luoghi


E’ un trattato di etno-antropologia. Marc Augé definisce i nonluoghi in contrapposizione ai luoghi antropologici, quindi tutti quegli spazi che hanno la

prerogativa di non essere identitari, relazionali e storici. Fanno parte dei nonluoghi sia le strutture necessarie per la circolazione accelerata delle persone

e dei beni (autostrade, svincoli e aeroporti), sia i mezzi di trasporto, i grandi centri commerciali, gli outlet, i campi profughi, le sale d'aspetto, gli ascensori

eccetera. Spazi in cui milioni di individualità si incrociano senza entrare in relazione, sospinti o dal desiderio frenetico di consumare o di accelerare le

operazioni quotidiane o come porta di accesso a un cambiamento (reale o simbolico). I nonluoghi sono prodotti della società della surmodernità, incapace

di integrare in sé i luoghi storici confinandoli e banalizzandoli in posizioni limitate e circoscritte alla stregua di "curiosità" o di "oggetti interessanti".

Simili eppure diversi: le differenze culturali massificate, in ogni centro commerciale possiamo trovare cibo cinese, italiano, messicano e magrebino.

Ognuno con un proprio stile e caratteristiche proprie nello spazio assegnato. Senza però contaminazioni e modificazioni prodotte dal nonluogo. Il mondo

con tutte le sue diversità è tutto racchiuso lì. Augé definisce come doppiamente destinati al nonluogo i rifugiati: essi tagliano i ponti con il luogo di provenienza,

a volte per sempre, e si imbarcano senza identità verso qualcosa che non raggiungeranno mai. Sono in duplice negazione. Si crea, particolarmente nell'Europa

che tenta di fermare l'ingresso dei migranti, una coppia di nonluoghi: quelli dell'abbondanza, sostanzialmente già descritti sopra, e quelli della miseria, come

campi profughi, centri di detenzione dei migranti et similia. In essi la tendenza spontanea riscontrabile nei centri commerciali o in altri nonluoghi a divenire,

per alcuni, dei veri e propri luoghi, non si verifica, trattandosi di spazi strutturalmente esclusivi e transitori. L'identità è pericolosa per chi ci si trova

(poiché espone al rischio di espulsione o incarcerazione) e questo elimina ogni possibilità di riconversione in luogo.

Reinert E. How Rich Countries Got Rich and Why Poor Countries Stay Poor

E’ uno dei pochi scritti in inglese dell’autore norvegese. L’economista tratta una critica al sistema economico ,divenuto ortodossia economica mondiale,

del Neo Liberalismo “Whashington Conensus” . Secondo l’economista di Oslo questo sistema di economia secondo il quale i paesi più ricchi puntano ad

espandere e ad accrescere la propria economia prima di aprire le porte per l’economia internazionale. L’autore si sofferma in particolare sull’economia

britannica tra il sedicesimo ed il diciannovesimo secolo e sulla crescita Asiatica ed in particolare cinese. L’autore è molto attento al concetto di protettorato

secondo cui lo stato deve seguire passo passo lo sviluppo dell’economia del proprio paese ,favorendo quindi le piccole, medie e grandi imprese presenti

all’interno. L’autore inoltre si concentra molto sulla rivisitazione della storia economica, della rivalutazione di figure di Adam Smith e di prendere la storia

economica come modello giusto e non da cui ripartire per una maggiore crescita.



Easterly W. The White Man's Burden: Why the West's Efforts to Aid the Rest Have Done So Much Ill and So Little Good


Nel suo libro precedente, The Elusive Quest for Growth, Easterly critica le organizzazioni occidentali perché non in grado di ridurre la povertà globale; in

questo libro invece la sua critica si concentra sulle economie politiche occidentali.
Easterly vuole che gli occidentali si rendano conto della loro storia di inettitudine e che inizino a preoccuparsi davvero per i paesi poveri. Nel libro spiega

perché i fondi di grandi organizzazioni come la US agency for international development o international monetary fund scompaiono nella sabbia perché

i programmi da loro progettati riflettono prima di tutto gli interessi dei donatori e della loro percezione di cosa è meglio per i riceventi . il problema persiste

perché i soldi dei donatori sono amministrati dalla burocrazia che non si informa di cosa realmente si ha bisogno e non ascolta opinioni utili a riguardo.

Oltre a queste debolezze occidentali ,la maggior parte dei paesi poveri ha cattivi governi composti da ufficiali corrotti che sottraggono i fondi e sabotano

i lavori del mercato rudimentale causando l'aumento dei costi degli affari e ciò scoraggia anche gli investimenti da parte di enti privati. Secondo Easterly

si ha bisogno di ricerche ,finanziate sia da organizzazioni governative sia private, sul territorio per capire effettivamente di cosa i paesi hanno bisogno .

 

 

   Università Roma Tre

 Dip. Studi umanistici

 

    Cooperazione italiana

 

Gruppi lavoro Corso

 

Gruppi di lavoro Lab.       

 Progetto

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                    Home

 
 
                                      

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                   

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                  Home

 

           

                   

    

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

          

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                    

 

 

 

 

                   Home